Configurazione parametri stufa pellet La Nordica Extraflame

pagina precedente

Rispetto ad altri tipi di stufa in cui è possibile regolare singolarmente l’intervallo tra le attivazioni della coclea, e la durata dell’attivazione, qui c’è un solo parametro definito “Alimentazione” che in sostanza definisce il quantitativo teorico in KG all’ora di pellet che vengono buttati nel braciere. Quindi le impostazioni che di solito regolano la caduta di pellet in questo caso si riducono a una sola impostazione.

Accensione (parametri 1,2,4,5,B,G,H, 1C,1D)

In caso di problemi di accensione, si possono regolare questi parametri, per fare in modo che ci sia abbastanza pellet nel braciere da garantire la vicinanza di almeno qualche pezzo alla candela, ma non troppo da portare al soffocamento (aumentare tempo accensione (1)  e Alimentazione pellet (4) aumentando il pellet che si troverà nel braciere, ma senza esagerare per evitare soffocamento), e far si che ci sia la corretta quantità di aria immessa nella camera di combustione (G). I valori riportati sono indicativi. In particolare la velocità della ventola estrazione fumi deve essere mediamente maggiore in caso di uscita in parete rispetto ad un camino con un tiraggio proprio.

I parametri 1C e 1D si riferiscono a temperature che devono essere raggiunte alla fine dello stato di accensione (1C) e alla fine dello stato di avvio (1D). Se per qualche motivo non sono raggiunte, la stufa si spegne. Si possono tenere piuttosto basse, se la stufa non è al sole o mooolto vicino a un calorifero.

Funzionamento

Durante il funzionamento si possono regolare i vari parametri per produrre la quantità di calore voluto.

Per ogni potenza configurabile:

Fissata una  alimentazione (un certo quantitativo di KG/h) si può lavorare aumentando/diminuendo la velocità estrazione fumi (I-J-K-L-M) in modo da avere una combustione con fiamma non troppo arancione e “lenta” (spesso sintomo di carenza di aria), ed evitare quindi di avere residui e fumo sul vetro. Se la fiamma viceversa risulta corta e tesa, e tendente al giallo, si può forse ridurre leggermente la velocità della ventola estrazione fumi.

Se la stufa scalda troppo o poco a quella potenza, si deve ridurre o aumentare l'(alimentazione, e tarare nuovamente la quantità di aria portata dalla ventola di estrazione per tornare ad avere una fiamma ottimale.

Aumentare troppo la velocità della ventola estrazione fumi può avere però due effetti indesiderati: bruciare troppo in fretta il pellet portando anche allo spegnimento, o portare su dalla canna fumaria una buona quantità del calore prodotto, quindi è bene non esagerare.

In caso di eccessivo accumulo di brace, oltre ad amentare la velocità della ventola di estrazione, o ridurre la quantità di pellet, si può anche aumentare la durata della pulizia del braciere (E) e diminuire l’intervallo tra le pulizie (3) .

pagina successiva

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.